13 luglio 2016

Diario di una lettrice in incognito: Starcrossed, Josephine Angelini

Diario di una Lettrice in Incognito raccoglie le recensioni delle mie letture.

Arrivate fino alla fine del post e ridete (o piangete) con me...

Starcrossed, Josephine Angelini (Starcrossed #1)
Titolo originale: Starcrossed
Data prima pubblicazione: 2011
Edizione italiana: Giunti, 2013

Trama: Helen, timida adolescente di Nantucket, sta quasi per uccidere il ragazzo più attraente dell'isola, Lucas Delos, davanti a tutta la sua classe. L'episodio si rivela essere qualcosa di più di un mero incidente. Helen teme per la sua salute mentale: ha iniziato ad avere incubi di notte e allucinazioni di giorno. Ogni volta che vede Lucas le appaiono tre donne che piangono lacrime di sangue. Il tentato omicidio porta Helen a scoprire che lei e Lucas non stanno facendo altro che interpretare i ruoli di un'antica tragedia d'amore. Le apparizioni femminili rappresentano infatti le Erinni. Helen, come l'omonima Elena di Troia, è destinata a dare inizio alla guerra a causa della sua relazione con Lucas. I due scoprono sulla loro pelle che i miti non sono leggende. Ma è giusto o sbagliato stare con il ragazzo che si ama se questo significa mettere in pericolo il resto del mondo? Come si sconfigge il destino?

Già dalle prime pagine di Starcrossed sono stata colpita da una fastidiosa sensazione di deja-vu: la protagonista che vive col padre in una piccola cittadina in cui si conoscono tutti, il trasferimento improvviso nella suddetta cittadina di una famiglia di fighi spaziali, e tanti tanti altri piccoli dettagli disseminati lungo il libro (soprattutto nelle scene che coinvolgono i due protagonisti) che mi hanno subito ricordato....Twilight. Se avete letto o leggerete questo libro probabilmente capirete a cosa alludo con "piccoli dettagli".

Il masochismo da lettrice a questo punto deve aver preso il sopravvento perchè ho deciso di andare avanti con la lettura, scontrandomi però con locuzioni del tipo "fa ciao con la mano" ricorrenti più volte nel testo e uno stile narrativo in generale abbastanza infantile.
Insomma, probabilmente potevo passare sopra le somiglianze con Twilight e la confusione di molti passaggi, ma quando una scrive così c'è poco da fare...se non abbandonare il libro. 
Cosa che ovviamente non ho fatto.


Per risollevarci il morale, devo dire che ci sono anche dei lati positivi anche se, a mio parere, non adeguatamente sfruttati.
Prima di tutto, la componente mitologica presente nel romanzo...che poi è il motivo per il quale ho letto Starcrossed. L'idea di portare nel presente la mitologia greca, con i discendenti degli eroi raccontati nell'Iliade, vittime delle conseguenze della Guerra di Troia e soggetti ad un fato a cui non possono opporsi, è originale e molto interessante. Tra l'altro io adoro questi argomenti. Avrebbe forse potuto essere sviluppata meglio e con più attenzione; per esempio, la Angelini divide i discendenti degli antichi Greci in quattro case, i cui nomi sono però presi a caso e non hanno nessun collegamento con la divinità a cui dovrebbero fare capo (c'è anche la casa di Roma...ma che c'entra?). Oppure ad un certo punto ci butta lì anche il mito di Atlantide...
Insomma, confesso che in certi punti ho faticato a capire le varie logiche.


Ah scusate, questo doveva essere uno dei lati positivi.
Tra gli aspetti positivi ci sono però i Delos (praticamenti tutti escluso Lucas...e il padre di Lucas..e lo zio...però tutti gli altri sì!) che, anche se non so se li leggerò mai, spero abbiano più spazio nei libri successivi! Anche qui potrei collegare ogni membro della famiglia Delos con uno dei Cullen, ma questo non mi ha impedito di provare immediata simpatia per questa famiglia, le cui descrizioni non possono che suscitare un istintivo affetto. L'affinità, il cameratismo tra di loro è tale da far sì che anche Helen, figlia unica e cresciuta solo con il padre, ne rimanga affascinata.

Comunque, a dispetto della mia recensione che sembra negativissima, vi assicuro che Starcrossed è un libro che si legge facilmente..sicuramente adatto per lettrici molto più giovani di me!


Pro:  personaggi secondari, mitologia greca
Contro: troppi streotipi young adult e somiglianze marcate con Twilight

* VALUTAZIONE *
Una lettura piuttosto piacevole ma non priva di difetti, adatta alle lettrici più giovani

* PUNTEGGIO * 
5,2/10




Questo post è stato modificato il 24/07/2016
In pratica ho modificato per errore questo post, salvandolo poi nelle bozze. Buona parte della recensione che avevate letto e commentato quindi è andata persa (ovviamente non mi ricordavo cosa avevo scritto), perciò se avete già letto questo post e notate qualcosa di diverso, ora sapete il motivo!

4 commenti:

  1. Ciao Elsa, ho letto questo libro anni fa ma mi aveva deluso abbastanza xD Ho anche dato una possibilità all'altra serie della Angelini ma niente, si vede che quest'autrice non fa per me xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh no...e io che speravo che l'altra serie fosse meglio. :(

      Elimina
  2. uhm ..non è che io sia così entusiasta di leggerlo..però ho il primo volume..quindi prima o poi dovrò sacrificarmi........aiuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su su, al limite poi ti divertirai a dirne di tutti i colori. ^_^

      Da Agosto sono più libera a disponibile a leggere qualche libro insieme, se ti va ancora! Scegli pure tu la lettura! :)

      Elimina

Lascia un commento e mi farai felice. :)