13 febbraio 2017

Storie Seriali | American Horror Story - Murder House

Buon pomeriggio!
Oggi torno con la rubrica dedicata alle serie tv e finalmente inizio a parlarvi della serie American Horror Story e, più precisamente, della prima stagione. Se vi piacciono le atmosfere inquietanti, i salti temporali e personaggi con più lati oscuri che altro, e avete un certo gusto del macabro, continuate la lettura!


Paese: USA
Anno: 2011
Ideatori: Ryan Murphy,  Brad Falchuk
Genere: horror, thriller, drammatico
Episodi: 12 


Pur sentendone parlare in lungo e in largo in toni entusiasti ci ho messo un bel po' a decidermi di iniziare la serie, frenata da quell'horror del titolo. Da brava fifona avevo infatti paura che fosse troppo spaventoso. Ironia della sorte, in pratica avevo paura di avere paura.
Comunque, alla fine la curiosità ha vinto e sono rimasta subito favorevolmente stupita del fatto che in realtà non fosse così terrificante: ovviamente non è una commedia, ma posso dire che tutto sommato la cosa più inquietante sia stata la sigla iniziale. Poi dipende...se vi danno fastidio scene disturbanti o sanguinose magari non ve lo consiglio al 100%; quanto a me, di solito mi fanno paura proprio film con fantasmi e presenze strane quindi è guardando da questo punto di vista che posso dire che non mi ha fatto paura.

Lo psichiatra Ben Harmon, insieme alla moglie e alla figlia adolescente, si trasferisce in una casa d'epoca a Los Angeles con un oscuro e violento passato.

Murder House riprende il classico tema della casa infestata, combinandolo con il racconto di fatti di cronaca (la storia della Dalia Nera vi dice qualcosa?) e altre tematiche. Una particolarità, questa di unire assieme vari temi anche distanti tra loro, presente anche nelle altre stagioni ma che in questo caso secondo me crea un amalgama omogeneo e convincente.
Alla storia degli Harmon si intrecciano così le storie (e le fini sanguinose) dei vari abitanti della casa nel corso dei decenni, in un continuo flashback che non stanca mai nè confonde.


Per quanto riguarda i personaggi, sono tanti e per descriverli tutti ci vorrebbe un post stratosferico: emergono sicuramente Tate (interpretato da Evan Peters), Constance (interpretata dalla bravissima Jessica Lange), e Violet (Taissa Farmiga).

Murder House coinvolge e appassiona già dal primo episodio e ben presto vi troverete, come me, a volerne sapere sempre di più e a parteggiare per alcuni personaggi e ad odiarne proprio altri. Tipo, se fosse stato per me, avrei fatto sparire Ben Harmon da subito.


2 commenti:

  1. Ciao
    ho visto questa serie e mi è piaciuta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una serie proprio ben fatta :)

      Elimina

Lascia un commento e mi farai felice. :)