8 giugno 2018

[Al Cinema] Train to Busan

Il mese scorso ero decisamente in fase zombie. No, non mi sono trasformata in uno di loro ma ho guardato più film su di essi in quel periodo che in tutta la mia vita. Sto cercando di dosare un po' i post di questo tipo ma ne vedrete sicuramente degli altri.
I film del genere che ho visto finora mi erano sembrati un po' tutti uguali (o semplicemente pessimi), ma Train to Busan mi ha fatto cambiare idea! Bello, bello, bello.


TRAIN TO BUSAN
Titolo originale: Busanhaeng (부산행)
Regia: Yeon Sang-ho
Paese di Produzione: Corea del Sud
Anno: 2016
Genere: horror
Attori principali: Gong Yoo, Kim Su-an, Jeong Yu-mi
 ______________________________________

Il film in breve: Mentre si diffonde un'epidemia zombie, i passeggeri del treno da Seoul a Busan cercano di sopravvivere.

Finalmente un film sugli zombie degno di nota. Adrenalinico ed emozionante, tiene col fiato sospeso fino alla fine senza risparmiare allo spettatore i momenti commoventi.

Protagonista è, come da titolo, un treno. O meglio, i passeggeri che si ritrovano su quel treno proprio mentre si sta propagando un'epidemia di zombismo (esiste questo termine?) e devono cercare di raggiungere una città sicura (sempre che ce ne siano ancora) mentre attorno a loro imperversa il caos.


Si nota che non si tratta di un film americano, oltre che dalle cose ovvie, anche da come viene trattata la materia: l'azione si concentra su un gruppo di passeggeri del treno che tentano di sopravvivere e di proteggere i propri cari che sono con loro. Non sanno cosa stia succedendo esattamente e anche lo spettatore non ne sa molto di più perché non si fa mai riferimento ad un'epidemia e le cause di questa apocalisse non vengono rese note, a parte brevissimi e alquanto oscuri accenni. 
Non ci sono i soliti eroi di turno americani che indomiti salvano la pelle a tutti e vissero felici e contenti, ma persone pressoché normali per cui lo spettatore teme fino alla fine. Il finale non è per niente scontato e lungo le quasi due ore di film sono numerosissimi i colpi di scena.
Non manca anche un villain come si deve, che dimostra come le persone possano mostrarsi e trasformarsi in preda alla paura. L'ho odiato tantissimo ma alla fine mi ha fatto anche un po' pena. L'inserimento poi di una bambina e di una donna incinta tra i protagonisti garantisce un livello maggiore di empatia da parte dello spettatore, tenendolo ancora di più incollato allo schermo in ansia per le sorti dei personaggi.


Dal punto di vista prettamente visivo, le scene che mi sono piaciute di più sono quelle che hanno come protagonisti proprio gli zombie. Se avete già visto Train to Busan vi saranno rimaste sicuramente impresse queste orde di corpi che si accalcano gli uni sopra gli altri, in un movimento che mi ha ricordato le onde. Ho trovato fantastica la scena in cui un fiume di zombie si aggrappa al treno, creando una scia che si allunga sempre più man mano che si aggiungono altri mostri.

Quando guardo film come questo mi chiedo sempre come sarei: manterrei la mia umanità o sarei un'egoista che pensa solo alla propria pelle? O sarei una di quelli che muore nei primi due minuti di film perché si è dimenticata di chiudere la porta?


4 commenti:

  1. I film di zombie mi piacciono tantissimo, ma ultimamente faccio fatica a trovarne di interessanti!
    Il titolo di questo non mi è nuovo, mi pare di averlo sentito nominare (o letto) più di una volta, però non sapevo che parlasse di zombie o in generale non conoscevo la trama. Mi sembra molto particolare, spero ci sia su netflix o su infinity!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispetto ad altri che ho visto merita sicuramente! Su Netflix non c'è, mentre su Infinity non ti so dire. Lo danno ogni tanto anche su Rai4.

      Elimina
  2. Generalmente non amo la cinematografia diversa da quella americana (lo so, non si dovrebbe, ma davvero non mi piacciono i film italiani, o europei), e questo è stato il mio primo film di origine coreana... e mi è piaciuto davvero tanto! Ho amato anche io i personaggi e come sono stati mossi gli zombie. Adrenalinico e con tanti colpi di scena che tengono con il fiato sospeso *-* Bello, bello, bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta sia piaciuto anche a te Rosa! :) Comunque ti capisco, anche io storco il naso di fronte al cinema italiano ed europeo (salvo rare eccezioni), mentre ho un debole per quello asiatico.

      Elimina

Lascia un commento e mi farai felice. :) Non si accettano insulti, offese varie e spam.