20 luglio 2018

Al Cinema | Contracted Phase 2

Buon pomeriggio lettori!
Ancora zombie su questi schermi! Vi ricordate di Contracted, il body horror super trash di cui vi ho parlato in un precedente articolo? Ecco, ho visto anche il seguito.


CONTRACTED PHASE 2
Titolo originale: Contracted Phase 2
Regia: Josh Forbes
Paese di Produzione: USA
Anno: 2015
Genere: horror
Attori principali: Matt Mercer, Marianna Palka, Morgan Peter Brown
 ______________________________________

Il film riprende esattamente da dove ci siamo fermati con il precedente: Samantha si è ormai trasformata del tutto in uno zombie, salta al collo della madre e i poliziotti le sparano. Samantha muore definitivamente.


Il protagonista di Contracted Phase II è quindi un altro, Riley (Matt Mercer), il quale nel primo film aveva pensato bene di limonare alla grande con Samantha, nonostante si potesse intuire dalla faccia che proprio sana sana non era e che il minimo era beccarsi qualcosa. Riley quindi comincia a manifestare i sintomi del misterioso virus che lo porterà, in capo a 3 giorni, a trasformarsi in uno zombie.
Questa parte non differisce molto da quella del film precedente, con la differenza che Riley sembra un po' più intelligente di Samantha e consapevole di ciò che gli sta accadendo. Le scene schifosissimissime di cui mi ero lamentata nel primo film qua sembrano essere meno, o forse sono io che avendo visto il primo film solo pochi giorni prima ormai ero assuefatta.

Contracted Phase II è diretto non più da Eric England ma da Josh Forbes, così come cambia anche lo sceneggiatore: avvicendamento che si sente eccome. In questo sequel si abbandonano quelle raffinatezze stilistiche che sembravano l'unica preoccupazione di England e si cerca finalmente di raccontare qualcosa. Oltre alla storyline di Riley, viene aggiunta quindi anche quella della caccia allo stupratore/diffusore del virus da parte della polizia. Storyline che poteva sicuramente essere costruita meglio ma, visto il disastro del film precedente, ci accontentiamo.
Sono contenta che si sia scelto di raccontare anche qualcosa di questo tizio psicopatico perché era l'elemento che più mi incuriosiva. Nel primo film (a mio parere inspiegabilmente) era apparso in pochissime scene e sempre di spalle o comunque inquadrato in modo che non si vedesse la faccia; nel secondo ha finalmente un volto e se ne spiegano, anche se in maniera non proprio convincente, i comportamenti.


Meglio del primo, ma mi ha comunque fatto ridere come neanche un film comico riesce a fare. Voi lo avete visto?



Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento e mi farai felice. :) Non si accettano insulti, offese varie e spam.