31 ottobre 2019

Things I Like | film e serie tv di Ottobre 2019

Buon pomeriggio halloweenoso!
Sono troppo pigra per organizzare qualcosa a tema sul blog (ma anche nella vita reale...credo di non aver mai festeggiato Halloween in vita mia) per cui oggi dovete accontentarvi della solita minestra rubrica di fine mese.
La novità di questo mese però è che, contrariamente al mio solito, ho visto un mucchio di film...e intendo davvero tanti, cioè per me vedere così tanti film in un mese (e invece solo una serie tv) è un record.



Serie Tv


Iniziamo però con il solo telefilm che ho terminato questo mese che, ormai lo immaginerete se mi seguite da un po', è un drama coreano.


TOUCH YOUR HEART
Tra i miliardi di drama che vorrei vedere, Touch your heart era uno di quelli che mi convinceva meno. Come sia finita poi a guardarlo al posto di quelli più appetibili è uno dei tanti misteri della mia vita. È stato almeno tempo speso bene? Eeeh...insomma. La coppia protagonista, Lee Dong Wook e Yoo In Na mi aveva convinto di più in Goblin...che ok, era tutt'altra cosa e lì non erano neanche i protagonisti, ma questa è stata la mia impressione.
La trama in sé non riserva particolari sobbalzi emotivi né sorprese o trovate originali: un'attrice da tempo senza lavoro a causa di uno scandalo, decide di fare esperienza in uno studio legale come segretaria di un avvocato, in modo da ottenere la parte in un nuovo drama.
La parte romance non mi ha entusiasmato per niente e mi sono ritrovata ad essere più interessata ai segmenti legal/gialli, il che è un problema dato che Touch your heart è ovviamente una commedia romantica e se ci si riscuote solo durante il 10% della visione non è un buon segno.





In visione: Mr Sunshine (ancora), My absolute boyfriend (ancora. Li finirò mai?), Hotel Del Luna.





Film


Promossi
Il labirinto del fauno (★★★★★). Il fatto di averci messo così tanto tempo per guardarlo è una cosa imperdonabile. Mi è piaciuto tutto di questo film.
Mr. Vendetta (★★★★). Primo film della cosiddetta Trilogia della Vendetta di Park Chan Wook. Ho visto l'ultimo, Lady Vendetta, almeno una decina di anni fa e mi è rimasto impresso da allora, ripromettendomi di recuperare le altre due pellicole. Mr. Vendetta è forse, visivamente parlando, il meno curato ed esteticamente raffinato. Secondo me è però anche quello che riesce a toccare certe corde nello spettatore, quello forse più intimamente tragico e amaro.
Old Boy (★★★½). Il più famoso film della Trilogia della Vendetta è quello che invece mi è piaciuto di meno, rimanendo comunque un capolavoro e, cosa rara di questi tempi, riuscendo a sorprendere lo spettatore e a tenerlo incollato allo schermo fino alla fine.



A quiet place (★★★½). Il mese scorso avevo definito The Silence il cugino sfigato di A quiet place. Perciò a quel punto non mi restava che vedere anche la pellicola di John Krasinski di cui avevo sentito talmente tante cose buone che, ecco, mi aspettavo un po' di più.
Le cose hanno iniziato a farsi interessanti alla fine del film ma per quanto riguarda il resto del tempo non è che mi sia annoiata, ma quasi. Certo, siamo comunque diverse spanne sopra The Silence...il che è già qualcosa.
The Host (★★★★). Horror time! Ho convinto mio fratello a guardare Train to Busan e il passo successivo è stato The Host. Non il film tratto dal romanzo di Stephanie Meyer ma il film sudcoreano del 2006. Per chi non lo conoscesse, parla di una famiglia che si mette alla ricerca della figlia/nipote rapita da una specie di mostro (vagamente somigliante al Demogorgone di Stranger Things). I film con mostri e robe varie in genere mi fanno ridere (un po' come quelli sugli zombie), questo invece mi è piaciuto parecchio. E mi piace come film tipo questo o Train to Busan usino il tema del mostro per raccontare una storia famigliare senza scadere nel patetico, nell'eccessivamente melodrammatico o nel ridicolo.



A Tale of Two Sisters (★★★★½). Se i film con i mostri mi fanno ridere, tutt'altra storia sono quelli sul soprannaturale. Dopo il giapponese Dark Water (quello originale, non il remake made in USA) avevo giurato di non avventurarmi più nei meandri degli horror orientali a tema soprannaturale. Ho ceduto dopo un decennio di astinenza con Two Sisters, che è un film bellissimo, narrativamente e visivamente, ma che non ho potuto godermi appieno a causa di alcune scene terrificanti. Di scene veramente paurose fortunatamente ce ne sono poche, ma quel paio è bastato per farmi vedere l'intero film tra le dita della mano, quando invece andrebbe guardato e riguardato bene per coglierne i tanti indizi e rimandi nascosti, il senso o semplicemente capire cosa sta succedendo (e stare al passo anche con lo scorrere degli eventi che non è proprio lineare). Lo riguarderò, se troverò il coraggio.
Anche qui è stato fatto un remake americano (The Uninvited) ma vi consiglio di guardare l'originale.



Coco (★★★★). Dopo tutta questa violenza e queste cose spaventose, avevo bisogno di un buon film di animazione. Quando è uscito nelle sale, mi sentivo letteralmente bombardata dalla pubblicità relativa al film che l'ho deliberatamente snobbato e mi sono quindi stupita di quanto in realtà sia carino, commovente e in un certo senso rassicurante.





Bocciati
La conseguenza (★★½). Film di quest'anno con Keira Knightley e Alexander Skarsgård ambientato nella Germania del dopoguerra. Trama inesistente e protagonisti fastidiosi.
Flatliners - Linea Mortale (★★). Mah. La premesssa sembrava interessante: alcuni studenti di medicina fanno esperimenti su loro stessi per capire cosa succede dopo la morte (la luce bianca e tutte quelle storie lì), di fatto uccidendosi e rianimandosi a vicenda. Purtroppo il tutto si riduce ad un nulla di fatto, condito con il solito moralismo buonista degli americani.


Sfida 50 film da vedere: 12/56


QUI trovate l'elenco di (quasi) tutti i film/serie tv/k-drama/anime che ho visto e di cui ho parlato nel blog!


6 commenti:

  1. Non c'è niente da fare, prima o poi dovrò trovare il tempo per recuperare Coco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ha stupito, non pensavo che fosse così carino

      Elimina
  2. A me Flatliners è piaciuto, Coco è sicuramente un film dalla trama particolare, davvero carino.
    Non ho mai visto invece Il labirinto del fauno, ma conto di recuperarlo.

    RispondiElimina
  3. coco l'ho trovato molto carino! Ho apprezzo un po' di più la seconda parte.
    a quite place effettivamente è un pochino sopravvalutato. A me ha lasciato un senso di incompletezza, se non ricordo male, però tutto sommato piacevole. Sicuramente due spanne sopra the silence, che non sono manco riuscita a finire per quanto noioso...

    RispondiElimina
  4. Mi hai appena ricordato che devo vedere assolutamente Coco...

    RispondiElimina

Lascia un commento e mi farai felice. :) Non si accettano insulti, offese varie e spam.