18 ottobre 2017

La Ladra di Neve, Danielle Paige | Review Party




Buongiorno lettori!
Oggi si festeggia La Ladra di Neve di Danielle Paige, uscito ieri per DeA Planeta Libri. Avendo apprezzato tanto un altro libro di questa autrice, Dorothy Must Die, ero davvero curiosa di scoprire questo retelling de La Regina delle Nevi di Andersen!

Non vi proporrò però la mia recensione, ma vi accompagnerò all'interno del mondo de La Ladra di Neve attraverso estratti, immagini e curiosità.
 



Titolo: La Ladra di Neve
Autore: Danielle Paige 
Edizione italiana: DeA Planeta Libri 
Uscita: 17 Ottobre 2017 
Serie: Stealing Snow #1 
Genere: retelling
Pagine: 416 







Trama
Per sedici, lunghi anni Snow ha vissuto rinchiusa in un ospedale psichiatrico. Ma di una cosa è sempre stata certa: lei non è mai stata pazza. Ogni notte, incontra nei suoi sogni un uomo bellissimo e misterioso che la incita a fuggire e a scoprire la verità sul suo passato. Finalmente, grazie all'aiuto del suo unico amico Bale, Snow riesce a fuggire dall'ospedale e a rifugiarsi in un bosco poco lontano. Qui il confine tra sogno e realtà diventa presto labile, finché Snow si ritrova in un altro mondo. Un mondo dove ogni cosa è di ghiaccio. È Algid, il Regno di Neve. Tra terribili inganni, fughe rocambolesche e amori impossibili, Snow scopre un segreto antico: è lei l'erede al trono di Algid, figlia di un tiranno disposto a ucciderla pur di preservare il potere. Ma adesso che Snow ha ritrovato se stessa reclama ciò che è suo, e per averlo è pronta a combattere.


Come ho accennato prima, La Ladra di Neve si ispira alla fiaba di Andersen, La Regina delle Nevi. Io non la conoscevo e ho quindi approfittato di questa occasione per recuperarla. Sembra che sia una delle fiabe più lunghe dello scrittore ed è divisa in sette parti (una cosa che tornerà anche nel romanzo della Paige), ognuna delle quale racconta una vicenda conclusa.


Credit           credit

Danielle Paige rielabora parecchio la fiaba classica, mantenendone però molti elementi: per esempio, i nomi di alcuni personaggi, la Strega del Fiume, la banda di ladri, gli specchi e altri dettagli. E, ovviamente, l'ambientazione invernale.

A un tratto davanti a me vidi il bosco, luminoso come in pieno giorno. Il che era impossibile, visto che era notte fonda. O lo era stata.
Quello però non sembrava il bosco in cui mi trovavo fino a un secondo prima, e gli alberi che mi circondavano non erano normali... Erano alti, così alti che anche allungando il collo non riuscivo a vederne la cima. Ed erano azzurri, dell'azzurro pallido delle pervinche. Nonostante quel colore insolito, sembravano fatti di vero legno. 
Quello fu per me il primo indizio che non mi trovavo più a New York.

La protagonista del romanzo è Snow, una ragazza di sedici anni chiusa fin da piccola in un istituto psichiatrico. Nonostante ciò e il fatto che nella prima parte del libro la si veda prevalentemente sotto l'effetto dei farmaci, Snow appare fin dalle prime righe lucida e sicura di sé.

Però avevo un segreto: anche se non lo davo mai a vedere, continuavo a volerle bene. La mamma non smetteva mai di venirmi a trovare, non smetteva mai di parlare, non smetteva mai di provarci, e immagino che se lo avesse fatto, allora l'avrei odiata davvero.
Non potevo lasciarla avvicinare. Se lo avessi fatto, non sarei riuscita a sopravvivere in quel posto. 

Il desiderio di quello che avevo avuto un tempo - una cameretta carina, perfetta per la mia io di cinque anni, e una mamma che mi accarezzava i capelli la sera - mi avrebbe resa debole. Lì dentro non avremmo potuto giocare a madre e figlia finché non fosse stata pronta a riportarmi a casa e a diventarlo per davvero nel mondo di fuori.

Il romanzo può essere diviso in tre parti distinte. La prima è ambientata nell'istituto psichiatrico di New York, mentre nella seconda e terza parte ci spostiamo nel mondo invernale di Algid. La terza è sicuramente la parte più interessante e movimentata, con parecchi colpi di scena.

Non so nemmeno chi sei. Voi nascondete i vostri veri volti. Che razza di vita è? Non voglio nascondere le mie cicatrici. Vorrei non avere la magia, e preferisco ballare con i piedi per terra! Non voglio vivere in un sogno...voglio vivere e basta. Come una persona normale. E voglio provare sensazioni vere.

credit






CALENDARIO REVIEW PARTY

17 Ottobre: My Crea Bookish Kingdom - Il Tempo dei Libri
18 Ottobre: La Cercatrice di Storie - Sweety Reviews
19 Ottobre: We Found Wonderland in Books - Libri e Librai
20 Ottobre: Coffee&Books - Nali's Shelter

6 commenti:

  1. Mi ispira molto questo romanzo, anche se non ho sentito pareri del tutto positivi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho letto parecchie recensioni negative :(

      Elimina
  2. Non ho letto pareri positivi su questo romanzo ma vorrei comunque farmi un'idea personale <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avevo già letto un libro di questa autrice e mi era piaciuto, quindi ho voluto provare anche con questa nuova serie.

      Elimina
  3. Non avevo capito che fosse la stessa autrice di Dorothy must die! Comunque attendo la tua recensione. Mi incuriosisce, ma non mi convince del tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di riuscire a scrivere la recensione entro questo mese, diciamo che ho parecchie cose da dire su questo libro!

      Elimina

Lascia un commento e mi farai felice. :) Non si accettano insulti, offese varie e spam.