27 novembre 2017

[Al Cinema] Nerve - libro vs film

Buon pomeriggio lettori!
Torno a parlarvi di un film tratto da un romanzo e, in particolare, uno che aspettavo di vedere da quando è uscito nelle sale. Qualche giorno fa ho recensito il libro, se volete recuperare il post potete farlo a QUESTO link.


NERVE
Titolo originale: Nerve
Regia: Henry Joost, Ariel Shulman
Casa di Produzione: Lionsgate
Paese di Produzione: USA
Anno: 2016
Uscita in Italia: 2017
Genere: thriller
Attori principali: Emma Roberts, Dave Franco, Juliette Lewis
 ______________________________________

Non è che non mi sia piaciuto, è che hanno cambiato un mucchio di cose e, avendo letto il romanzo il giorno prima, la cosa mi è ovviamente saltata all'occhio. In realtà sono talmente diversi che non vi so neanche dire quale, tra film e libro, mi sia piaciuto di più.

Innanzitutto hanno tolto tutta la parte relativa al teatro; Dee, la protagonista, nel romanzo si occupa dei costumi e del trucco nelle rappresentazioni teatrali della sua scuola e i primi capitoli sono ambientati proprio durante e dopo gli spettacoli. Era un elemento importante perché il libro gioca molto sul concetto di "stare dietro le quinte" e tutto, o quasi, ciò che fa Dee nel corso della storia rimanda a questo concetto. Anche la sua iscrizione a Nerve nel libro è in realtà fatta per uscire dall'ombra, per essere protagonista di qualcosa, per mettersi alla prova e far vedere agli altri che è più di ciò che appare e di ciò che danno per scontato. Nel film le motivazioni sono le stesse ma, eliminando l'elemento del teatro, si è reso il tutto più superficiale e, spesso e volentieri, alla stregua della semplice gelosia nei confronti della migliore amica. Personaggio, quest'ultimo, che non ho nominato neanche nella recensione perché a mio parere descritta poveramente sia nel libro che nella trasposizione cinematografica. I personaggi secondari, già poco caratterizzati e stereotipati nel libro, qua peggiorano e hanno, secondo me, un'utilità pari a zero.

Un'altra cosa che proprio non mi è andata giù è il fatto che ci hanno dovuto per forza mettere in mezzo un lutto. Perché? Nel libro Dee è una ragazza normale, con un padre e una madre normali, diventati un po' iperprotettivi (anche giustamente, eh) dopo un episodio spiacevole accaduto in precedenza. Nel film, Dee vive da sola con la madre, mentre il fratello maggiore è morto in un incidente (o mi pare fosse un incidente).

Per non parlare di tante, tante, altre cose che sono state completamente inventate. Anche il fatto che abbiano sostituito i premi unicamente con somme di denaro fa perdere in parte il senso che avevano nel libro, in cui i premi erano soprattutto cose materiali, oggetti che i protagonisti desideravano perché legate ai loro interessi e ai loro gusti. In più, nel romanzo della Ryan questi oggetti corrispondono a ricerche che i personaggi hanno fatto su internet e dimostravano come il gioco avesse liberamente accesso a tutti i dati dei concorrenti. Senza andare troppo lontano, non siamo anche noi più o meno controllati quando siamo su internet, quando navighiamo nei siti o scriviamo sui social?



La sensazione che ho avuto leggendo il libro, cioè che l'autrice abbia addolcito un po' troppo tematiche invece pesanti e importanti, non c'è invece nella trasposizione cinematografica. Il film fa quello che avrei preferito anche nel libro, e cioè calca la mano sulla distorsione della società rappresentata e sul gioco di Nerve stesso. In quest'ottica il finale è decisamente più definitivo (e soddisfacente) rispetto a quello del libro. 
Da guardare, ma non subito dopo aver letto il libro!



2 commenti:

  1. Ciao! Onestamente il libro mi ispira poco, però il film lo guarderei volentieri, mi ispira davvero molto di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non saprei davvero scegliere tra i due: del romanzo mi sono piaciute certe cose e altre per niente, e lo stesso per il film. :)

      Elimina

Lascia un commento e mi farai felice. :) Non si accettano insulti, offese varie e spam.